Leggere: Fechner

Nanna era la sposa del dio della luce Baldur, una delle più importanti divinità minori della mitologia norrena, ed era considerata la dea del mondo dei fiori. L’epoca della fioritura è quindi governata dal regno di Baldur.

Così titola Gustav Theodor Fechner la sua opera: Nanna, o l’anima delle piante. Un libretto delizioso con cui il filosofo ottocentesco si domanda – e argomenta – sull’esistenza dell’anima nelle piante.

Chi è dotato di una certa sensibilità e spirito di osservazione, già sa. Chi si rivolge alle piante accarezzandole e parlando con loro, complimentandosi per la loro crescita, per i frutti donati, per i boccioli o i fiori offerti, già comprende. Chi vive nei boschi, poi, non vede in quell’apparente immobilità alcuna privazione ma, semmai, si pone nel voler ricercare il linguaggio giusto per comprendersi reciprocamente.

Fechner parte da una domanda semplice quanto grandiosa: Un’anima, per conoscerne un’altra, può farlo solo mediante segni esteriori e corporei? In effetti, una parte dell’umanità (non tutta) riconosce un’anima anche agli animali, vedendo in loro la capacità di muoversi, gridare, nascere e morire, soffrire, mentre in considerazione delle differenze esistenti, viene sottratta loro la ragione. Alle piante, invece, la stessa parte di umanità vi sottrae l’intera anima.

Se allora è questa la strada da perseguire, ovvero la somiglianza all’uomo, ecco che piante e animali possono offrire moltissime consonanze: nei processi vitali, nel modo di produrre l’intera struttura cellulare da una cellula-ovulo, mediante il processo di divisione delle cellule, osservando come un seme ed un uovo siano in sostanza solo due forme diverse della medesima cosa.

Ma potrebbero esserci anime che si esprimano non correndo gridando o mangiando, ma piuttosto fiorendo e spandendo odori, assorbendo la rugiada e spingendo fuori le loro gemme, ricercando la luce, e noi dovremmo comprendere questo evitando qualunque sillogismo.

Molti milioni di uomini di diversi popoli hanno ritenuto e ritengono che le piante siano animate. Per le civiltà antiche tutto, nella natura, lo è. In nome di una scienza che io disconosco, respingiamo il pensiero d’un’anima delle piante, ma i nostri ricordi ancestrali ci ricollocano a quella conoscenza: ne parliamo nelle nostre poesie, nelle nostre metafore che ci riportano ad uno stato naturale in cui tutti noi eravamo perfettamente integrati, ad una memoria impossibile da cancellare realmente.

Nella natura sdivinizzata anche le piante sono rimaste inanimate, l’anima è stata loro strappata.

Non è il sistema nervoso, da ricercarsi. Non in una parte del creato per la quale, semplicemente, questo non è stato previsto. Non è cercando somiglianze con la nostra sensitività, che possiamo negare la sensitività altrui. Nelle piante non c’è il nervus sympathicus che regola diverse funzioni, ma possiamo forse affermare che in esse non avvenga la respirazione, la circolazione, la nutrizione? E dunque perché, si chiede Fechner, non potrebbero sentire avvalendosi semplicemente di altro?

Se le piante corressero e gridassero come noi, nessuno negherebbe loro l’anima. Tutti quei delicati e silenziosi indici d’anima che esse mostrano non contano per noi quanto gli altri, grossolani, che non riscontriamo. E se le piante fossero mute per noi poiché noi siamo sordi per esse? Il crescere della pianta è ciò che per l’animale è l’agire. Chi asserisce che l’animale è libero deve dichiarar libera anche la pianta, chi ritiene quello non libero, non può nemmeno a questa attribuire la libertà; e allora non si potrà più esigere la libertà come condizione del possesso dell’anima da parte della pianta, poiché non la si esige per l’animale.

Ecco Fechner e il suo pensiero. Delicato, commovente, da amare.

Petizioni e Vittorie: Giugno e Luglio ’22

GiugnoLuglio
VittorieVittorie
Lo Stato di Hidalgo introduce legge severa contro i macelli fuori leggeL’abbattimento del cervo sardo viene sospeso.
Approvato dal Senato lo stop all’abbattimento selettivo dei pulcini maschiItalia: la Camera approva la nuova Legge sullo spettacolo senza animali
 New York: verso divieto di vendita di cani e gatti in negozio
 Sicilia sospende l’anticipazione della caccia
PetizioniPetizioni
Vietare l’insediamento di una miniera sui laghi in Abtibi, che hanno l’acqua più pura del mondo.Per la sterilizzazione obbligatoria dei gatti erranti nei comuni francesi
Stop al trasporto di animali viviPer la nazionalizzazione delle risorse idriche
stop alla triturazione e gassazione di pulcini e anatroccoli maschiPer la soppressione del settore caccia del Decathlon 
Porre fine all’inferno del Festival di YulinChiedere agli Unted States restrizioni nella vendita di fuochi d’artificio per il 4 luglio
Salvare i 70 cervi da un massacro inutile nella città di LongueuilChiedere al Food and Drug Administration di investigare sul basso costo dei polli venduti da Costco
No alla deforestazione in AmazzoniaPer una modifica della legge federale sulla protezione animale e il divieto di eutanasia senza giusto motivo
Basta taglio di alberi nel comune di Sestu (CA)Stop all’inferno che migliaia di cani vivono in Cina
Per la protezione dei pavoni di Villelongue Dels Monts e il reinserimento del pavone patriarca Stop alla vendita di tartarughe africane in Francia
Stop a nuove autostrade in Francia Contro l’eutanasia praticata su animali per ignoranza umana 
Stop alle fattorie di bile d’orsoStop al maltrattamento di animali utilizzati per set fotografici
Contro l’estinzione dell’istriceChiedere ai legislatori colombiani di bandire il combattimento tra tori
Per la sterilizzazione sistematica dei gatti erranti nei comuni francesiChiedere alla Commissione Europea che sia introdotta la tutela dei pesci tra i nuovi obiettivi sul benessere animale
Chiedere al Presidente cinese di vietare il Festival di YulinPena esemplare all’uomo che ha picchiato a morte un gattino
Chiedere alla UE di introdurre una legislazione sul benessere dei pesciSalvare i 21 cani sopravvissuti al commercio di carne di cane in Congo
Fermare le fourrières Sivu47 in Lot et GaronneContro la condanna del giornalista che ha diffuso un’inchiesta sulle violenze nell’allevamento di polli a Pré
Porre fine all’uso di pesticidiVietare gli asini tassisti in Andalusia
Diciamo basta alle pellicce in tutta EuropaSalvare il Parco Giorgio Bassani di Ferrara – No ai concerti
No alla distruzione dei nidi di corvi nell’ovest della FranciaStop alla caccia con richiami vivi
Vietare il regalo di animali sui socialChiedere alla UE di vietare il commercio illegale di cuccioli
Stop agli atti di crudeltà su animaliPer l’inserimento di maggiori controlli nei macelli francesi
Vietare il taglio delle corde vocali ai cani in North CarolinaChiedere al Sindaco di Vigevano di evitare la chiusura del Rifugio del Micio
Chiedere una politica cage-free alla catena Wok to WalkStop all’abbandono di reti da pesca in mare
Stp alla deforestazioneAbolire il combattimento tra tori in Spagna
Giustizia per i cavalli avvelenati a Chateau-Arnoux-Saint-AubanChiedere al governo francese misure per affrontare il caldo negli allevamenti
Radiare il veterinario che ha seviziato animali nello Stato di New YorkMettere fine all’era delle gabbie
Vietare il trasporto di animali vivi durante la stagione più caldaStop randagismo al Sud
Proteggere i ghiottoni negli USA, animali in via di estinzionePer il divieto di navi da crociera ad Ajaccio
Mettere fine alle più crudeli pratiche di sperimentazione su animaliSanzioni severe contro chi abbandona animali
Giustizia per il cane decapitato a Brunoy dans l’EssonnePer la sterilizzazione dei gatti erranti di Err
Pressioni sulle istituzioni scozzesi per la salvaguardia del salmone dall’eccessivo pescaggioGiustizia per lo yorkshire, ucciso da un boccone riempito di chiodi
Chiedere al U.S. Fish and Wildlife Service di inserire le giraffe nella lista delle specie protetteGiustizia per la mucca perseguitata a morte con dei petardi
Fermare il dogsitter che ha postato video di abusi sui cani che aveva in custodia Giustizia per il pulcino di cigno ucciso a sassate
Giustizia per i cani di Nathalie avvelenati volontariamente Per una spiaggia per cani sul comune di Hyeres-Var
Prendersi cura della gatta a cui la proprietaria rifiuta le cure necessarieFermare la caccia agli squali in Florida
Fermare il Festival di YulinStop al massacro di piccioni a Lille Flandres
Chiedere al USDA Animal and Plant Helth Inspection Service di revocare la licenza al ABQ Park che ha fatto morire diversi cuccioli di elefantiVietare per sempre la detenzione di animali alla donna che in Missouri ha bruciato vivo il proprio cane per un rituale
Istituire un supporto psicologico per gli accumulatori di animali di Portsmouth City e vietare loro di detenerne.Per la sterilizzazione dei gatti erranti nel comune di Longuenesse
Per il diritto di avere un animale da compagnia anche dopo gli  80 anniStop al circo con animali nella regione della Provenza
Boicottare il Marocco per le stragi di cani effettuate dal governoStop all’uso di bottiglie in plastica
Intervenire per far rispettare le leggi a tutela degli animali erranti nel comune di CaluireChiedere al Governo Australiano di introdurre deterrenti agli squali diversi dalle reti che uccidono le balene
No all’allevamento intensivo di polli a Gressey (Yvelines 78)Incendi: anche gli animali sono vittime
Chiedere che all’Assemblea nazionale francese siano rappresentati i diritti animaliGiustizia per Bondo, cagnolino ucciso a Conversano da un automobilista che è poi fuggito
Salvare i gatti erranti di Castelnau-d’AuzanStop allo sterminio di cani erranti in Madagascar
Vietare le camere a gas in cui vengono eutanasizzati gli animali negli stati dello Utah, del Wyoming e del MissouriLiberiamo gli orsi polari dallo zoo della Puglia
Traffico di animali selvatici: maggiori controlli e sanzioniAbbandono di animali: per la creazione di un Registro di chi commette questi reati
Chiedere ai legislatori degli Stati del Texas, Nebraska, Kansas, Oklahoma e California di inserire leggi più compassionevoli per l’allevamento di animaliSalvaguardare le tartarughe giganti delle Galapagos
Giustizia per Oscar, il cane lasciato morire di fame e sete dalla sua proprietariaChiedere allo Stato di Pennsylvenia di licenziare il vigile del fuoco che ha sparato a un cavallo senza motivo
Giustizia per i due cani maltrattati a Saint-MaloGiustizia per i 14 cani morti di calore in un caravan a Creusot
Giustizia per i puledri morti in Francia in condizioni sospetteNo all’estensione dell’allevamento di maiali a Feusines
Per un divieto della corrida in FranciaGiustizia per gli animali lasciati soli ad Archettes dal proprietario andato in vacanza
Stop all’abbandono di animali da compagnia in FranciaChiederealla UE di vietare definitivamente la sperimentazione animale per cosmetici
Contro il combattimento di cani in FranciaVietare la caccia sui territori devastati da incendi in Francia
Per un’Europa senza cosmetici da sperimentazione animaleChiedere alle autorità della Florida di intervenire contro le violenze domestiche a cuccioli di cani
Giustizia per la giumenta mutilata a morte in FranciaVietare la caccia al gallo cedrone francese
Giustizia per Arthur, capretta mutilata e uccisa dalla bestialità umanacondannare i truffatori che hanno acquistato dei cavalli per condurli al macello
Per la fine delle pellicce in EuropaNazionalizzare la gestione dei Canadair e degli altri velivoli antiincendio
Chiedere al Los Angeles County Sheriff’s di individuare l’uomo che ha brutalmente picchiato un canePer l’autorizzazione ad entrare nei centri commerciali dei cani durante le ondate di calore
Chiedere all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di considerare l’allevamento intensivo come inadatto per il futuroChiedere al Congresso USA di salvaguardare gli animali selvatici nei parchi nazionali
Aiutare Vincent a trovare il suo cane IkkoSalviamo il rifugio ‘i gatti liberi’ dopo l’incendio
Chiedere un’ordinanza alla città di Los Angeles per vietare la corsa di ponyProteggere la tigre dalla distruzione del suo habitat e dal bracconaggio
Vietare l’uso eccessivo di sperimentazione su animali in GermaniaVietare la detenzione ulteriori di cani al proprietario in Georgia che ha lasciato morire di stenti 28 cuccioli
Indagini da parte dello Stato di Washington sull’avvelenamento di quattro lupiMulta a chi priva di acqua gli animali
No ai cappelli di pelo d’orso delle guardie inglesiChiedere al California Department of Fish and Wildlife di inserire i canguri tra le specie protette, impedendo che la loro pelle sia utilizzata dalla Soccer Warehouse, fabbrica di scarpe da calcio
Chiedere a Mc Donald’s, Kroger, Goya Food e Albertsons di fermare l’utilizzo dell’Amazzonia per l’allevamento estensivoInserire alternative vegetali al latte nelle mense scolastiche italiane
Chiedere alle autorità della Florida di individuare l’uomo che ha ucciso un cucciolo di delfinoChiedere agli organi dello Stato di Florida di vietare l’uso di armi contro animali selvatici se non in situazioni di pericolo
Per la protezione delle diverse specie di lucertole minacciatePer la preservazione dei delfini
No all’aumento delle spese veterinarie in FranciaStop alla non sterilizzazione dei gatti di Chablis
Vietare ogni forma di abuso nei confronti degli elefantiRitroviamo Zak, l’husky rapito a Tolosa
Investigare sull’uccisione per avvelenamento di uccelli nel New South Wales 
Chiedere al Congresso USA di monitorare gli abusatori di animali in quanto pericolosi anche per l’uomo 

Piccole vite

E così siamo a quota sei. Dopo aver trovato Mia in una soffitta, e dopo aver salvato anche Maya e Maggie, avevo già fissato l’appuntamento dal veterinario per la sterilizzazione delle ultime due, quando abbiamo appurato che entrambe aspettavano i cuccioli. Il veterinario ci ha tenuto a chiedere più volte se eravamo intenzionati a farli nascere, ed io mi sono stupita anche solo della domanda. Purtroppo Maggie ha perso i cuccioli, mentre Maya ha dato alla luce tre bimbetti. Mi hanno chiesto di darli ad un’associazione, ma non se ne parla nemmeno, tutta questa faciloneria nel non far nascere e nel dare via non è parte della mia concezione della vita di nessuno.

Ed ecco le meraviglie ad un mese esatto di vita, i cui nomi sono stati scelti infrangendo la regola delle EMME. I braccialetti portafortuna, ovviamente, non sono stati lasciati addosso alle creaturine.

Abbiamo dunque: NAMIR, nome arabo che significa TIGRE.

Questo è SADHU, nome sanscrito che significa BUONO

E, infine, questa è FAITH (FEDE, ma anche Fatina per gli amici)

Così, guardandoli crescere di giorno in giorno, vedendoli giocare e dormire, è ancora più evidente come la bellezza della loro vita chiedesse di potersi esprimere, e così è. Li amo da morire, soprattutto quando cercano i miei occhi come a leggermi dentro, e non saranno gli ultimi.

Petizioni

Ormai posso dire che è un’attività che mi impegna davvero molto. Sono iscritta a decine e decine di associazioni che lottano per i diritti animali e perché sia riconosciuta la loro sofferenza. Un giorno le conterò, ma la realtà è che continuo ad iscrivermi e a partecipare sempre più a nuove iniziative, nuovi movimenti, restando poi sempre in contatto con loro per conoscere le sorti delle petizioni a cui partecipo, e sono centinaia. Ho deciso quasi due anni fa di scrivere tutte le azioni a cui partecipo, e quando ho cominciato a vedere la quantità di fenomeni di violenza e di sopruso che sono degne ogni mese di grande attenzione, mi sono impressionata. Intendo, in realtà, aumentare a dismisura la mia partecipazione, vorrei arrivare ad iscrivermi a qualsiasi movimento e associazione si batta su qualunque tema a livello locale, nazionale, internazionale dell’intero mondo. Mi aiuta la conoscenza di alcune lingue, perché così posso a mia volta interagire con loro e segnalare casi a me noti. Attualmente, le mail di iniziative e petizioni sono già così tante da non poterle seguire giornalmente. Devo per forza lasciar scorrere due-tre giorni per poi immergermi per alcune ore e dar loro seguito evitando troppo arretrato, o le azioni non sarebbero sempre efficaci. Le tematiche sono le più svariate, e un po’ alla volta le illustrerò io stessa sperando di gettare qualche seme nella coscienza di qualcuno. Non si tratta poi, solo, di cliccare da qualche parte, ma di leggere molti studi, narrazioni, inchieste su ciò che orribilmente avviene in ogni angolo del mondo. Talvolta, mi si accappona la pelle, pur avendo già visto e letto di tutto. Il livello di malvagità che l’uomo è in grado di raggiungere mi lascia sgomenta. Al momento, la mia azione è incisiva sul territorio italiano, francese, spagnolo, americano, canadese, indiano. Vorrei raggiungere l’intero pianeta, vorrei conoscere ogni singolo sopruso riguardi quelle anime innocenti, vorrei partecipare a tutto. Parteciperò a tutto, l’ho deciso. Alcune campagne, ovviamente, si ripropongono, perché certe manifestazioni di pura violenza si ripetono negli anni rimanendo inascoltate. Altre richiedono tempo perché le persone comincino a riflettere e a voler cambiare la propria visione del mondo e della vita. Della loro, innanzitutto, e dunque di quella degli altri. Alcune sono iniziative di giustizia per un singolo animale che ha subito atti violentissimi, altre sono destinate agli esponenti governativi, al Congresso americano, ai ministri dei vari paesi, ai legislatori perché introducano migliorie e mitighino qualche effetto. C’è anche qualche vittoria, delle gocce nel mare. Ma la mia personale impressione è che la violenza contro gli animali stia paurosamente aumentando, sia in forma diretta e derivante dalla rabbia insita in gran parte dell’umanità, sia in forma indiretta e a volte inconsapevole, come quella derivante dall’alimentazione carnea. Non viene praticata dal singolo, ma viene demandata ad altri. L’ultima cosa che vorrei fare è girare la faccia dall’altra parte, e questa attività mi ha accompagnata sin da quando avevo 8-10 anni e al tg dell’epoca mostrarono le efferatezze perpetrate agli animali nei laboratori farmaceutici. Non se ne parlava quanto ora, ma le battaglie non scherzavano affatto, facevano chiudere interi reparti d’azienda con picchetti che potevano durare mesi. La società inglese era all’avanguardia, in questo, ma quella stessa cultura ha imposto un modello di ricerca del guadagno a tutti i costi che oggi è fuori controllo e non fa onore a nessuno, che ha relegato gli animali a oggetti da sfruttare in tutti i modi. Continuerò imperterrita a partecipare a tutto, ad aumentare le mie iscrizioni in ogni dove, a fare gesti per loro sperando che perdonino quelle mani che, avendoli tanto odiati, odiavano se stesse.

San Valentino

Durante la preparazione della mia tesi di Laurea sul ritrovamento di orecchini nelle sepolture Longobarde in Italia, avevo svolto un lungo lavoro di mappatura delle necropoli e dei sepolcreti italiani (sono migliaia), scandagliando moltissime foto e molti reperti. Fu allora che mi imbattei in questa foto e ne rimasi folgorata.   Vengono definiti ‘Gli amanti di Valdaro’ dalla località presso Mantova in cui erano stati sepolti circa 5.500 anni fa, ed ora sono conservati presso il Museo Archeologico di Mantova. La sepoltura è di età neolitica e nulla ha a che vedere con la stirpe longobarda se non il fatto che le modalità di sepoltura e i luoghi stessi sono andati spesso coincidendo nelle diverse epoche e tra genti diverse. Si tratta dunque di una sepoltura bisoma: due giovani ragazzi, un uomo e una donna, affrontati e abbracciati. Mentre le sepolture bisome non sono rare, l’abbraccio lo è ed è proprio ciò che mi ha colpito, il pensare che qualcuno abbia tenuto conto di un rapporto preesistente alla loro morte e che abbia ritenuto naturale che i due ragazzi venissero deposti insieme e che dovessero proseguire oltretomba con quello sguardo eterno. Non sappiamo in realtà nulla di loro, ma di affetto o amore certamente doveva trattarsi. Forse due giovani sposi, oppure due promessi in matrimonio o ancora due familiari molto legati tra loro. E’ un’immagine piena di tenerezza: gli scheletri parlano, le grandi orbite sono occhi colmi di sentimento, ognuno cerca l’altro. Quel destino che ha travolto i loro corpi, nulla ha potuto contro la loro volontà di restare vicini e di continuare a guardarsi, di testimoniare che l’amore resta per sempre. Personalmente, li avrei ricoperti nuovamente di terra per lasciare che proseguissero il loro sussurro senza essere osservati, rispettando il desiderio di amarsi oltre ogni era.  

Dimenticare

‘Campi di sterminio per chi non si vaccina.’ Giuseppe Gigantino, cardiologo

‘Mi divertirei a vederli morire come mosche.’ Andrea Scanzi, giornalista

‘Se fosse per me costruirei anche due camere a gas.’ Marianna Rubino, medico

‘I cani possono entrare.’ Solo voi, come è giusto, resterete fuori. Sebastiano Messina, giornalista

‘Vagoni separati per non vaccinati.’ Mauro Felicori, assessore

‘Escludiamo chi non si vaccina dalla vita civile.’ Stefano Feltri, giornalista

‘I no vax fuori dai luoghi pubblici.’ Eugenio Giani, Presidente Regione Toscana

‘Potrebbe essere utile che quelli che scelgono di non vaccinarsi andassero in giro con un cartello al collo.’ Angelo Giovannini, sindaco di Bomporto

‘Dal 6 agosto come sorci chiusi in casa.’ Roberto Burioni, virologo

‘I riders devono sputare nel loro cibo.’ David Parenzo, giornalista

E molti altri.

Ultimi

Il 20 gennaio il Parlamento europeo si è espresso sulle raccomandazioni della Commissione d’inchiesta (ANIT) istituita nel 2020 e chiamata a esaminare l’applicazione delle norme previste per il trasporto di animali vivi. Si è trattata della prima Commissione in assoluto istituita per approfondire la questione del benessere degli animali; purtroppo, l’occasione di ottenere dei miglioramenti è andata perduta per i noti interessi industriali che si celano dietro i parlamentari votanti. Di fatto, la crudeltà nella UE è del tutto legale e accettabile.

 Infatti:
Non sono stati proibiti i trasporti degli animali non ancora svezzati

Non sono stati proibiti i trasporti delle femmine gravide

Non sono stati proibiti i viaggi più lunghi di 8 ore

Non sono state proibite le esportazioni di animali vivi in paesi extra europei

La Commissione europea intende tuttavia procedere ad una revisione completa delle leggi in materia di allevamento, trasporto e macellazione degli animali attraverso un’analisi delle problematiche che verranno approfondite per tutto il 2021 e 2022 e che porterà alla formulazione di nuove normative.

Abbiamo partecipato all’importante consultazione pubblica sulla revisione della normativa UE in tema di allevamenti, trasporto e macellazione la cui scadenza era il 21 gennaio. Mi sento sempre onorata di poter fare qualcosa insieme a tutta la mia famiglia. Pur trattandosi di un’occasione fondamentale, a cui moltissimi cittadini europei hanno partecipato, c’era però da stupirsi di determinate domande che venivano poste nel formulario.

‘ Pensa che il trasporto di femmine gravide sia da confermare o da vietare?’

‘Ritiene che il trasporto di vitelli NON ANCORA SVEZZATI sia da confermare o da vietare?’

Abbiamo risposto a tutte le domande, naturalmente, chiedendoci però se sia più cretino chi legiferi senza compassione o chi ponga certe domande con l’intento di effettuare una revisione. Certi orrori non dovrebbero esistere e basta, qualunque interesse industriale vi si celi dietro.

Una casistica tra tutte: il trasporto su strada degli agnelli dall’Est Europa all’Italia in occasione delle festività pasquali e natalizie; spesso questi cuccioli non sono ancora svezzati, si feriscono gravemente durante il viaggio e arrivano al macello dopo lunghe ore senza acqua e cibo. E la situazione è inaccettabile anche per gli ovini e i bovini che viaggiano al di là dei confini europei, verso Medio Oriente e Nord Africa.

Abbiamo richiesto telecamere nei macelli, formazione per tutti gli operatori, ampliamento di normative stringenti anche ad una serie di altre specie animali.

Vedremo cosa accadrà e quanto si avrà desiderio di intervenire per proteggere gli animali allevati a scopo alimentare, gli ultimi tra gli ultimi.

C’è un’altra importante iniziativa a cui però si può ancora partecipare entro il 31 gennaio 2022: Stop Finning – Stop the Trade (stop-finning-eu.org/it/). Ogni singolo minuto, infatti, centinaia di squali vengono uccisi per lo spinnamento della loro pinna che serve a realizzare la zuppa di squalo (73 milioni di squali ogni anno, fonte LAV, con massima concentrazione tra Spagna, Portogallo e Francia).  Gli squali, ancora vivi, vengono poi ributtati in mare, andando incontro ad una morte dolorosa per soffocamento o dissanguamento. Ebbene, poiché l’Europa è tra i principali protagonisti di questa caccia infame, chiediamo la messa al bando dell’importazione, esportazione e transito delle pinne di squalo e di razza in tutta l’UE.

Spero partecipino in tanti. Aiutiamo le creature a vivere senza alcuna forma di violenza e di sfruttamento da parte dell’uomo.

Emerson 6

CONDOTTA DI VITA

RICCHEZZA

A possedere dovrebbe essere chi sa amministrare, non chi tesaurizza e nasconde; non quelli che, quanto più si fanno gran proprietari, tanto più si fanno grandi accattoni, ma coloro il cui lavoro ricava lavoro per altri, apre un sentiero per tutti. Perché è ricco l’uomo, se in lui la gente è ricca, ed è povero, se in lui la gente è povera.

Se prendete da State Street i dieci commercianti più onesti e ci mettete dentro dieci furfanti a controllare la stessa quantità di capitale, i tassi dell’assicurazione lo indicheranno, la solidità delle banche lo mostrerà, le strade saranno meno sicure, le scuole ne risentiranno, i bambini porteranno a casa la loro piccola dose di quel veleno, il giudice avrà minor fermezza sul suo seggio e le sue decisioni saranno meno rette – avrà perso molto del suo sostegno e molto del suo ritegno, di cui tutti han bisogno – e la tribuna, con una regola di vita più lassista, tradirà questo stato di cose.

La dissolutezza non consiste nello spendere denaro a palate o anni di tempo, ma nello spenderli al di là della linea della vostra carriera. Il crimine che manda in bancarotta uomini e Stati è quell’impiego che si basa su lavoretti: rifiutare il vostro progetto principale per servire con turni di qua e di là. Nulla è indegno di voi, se è nella direzione della vostra vita: nulla è grande o desiderabile se le è estraneo. Penso che siamo qui autorizzati a tracciare una linea diritta e a dire che la società non potrà mai prosperare, ma sarà sempre in bancarotta fintanto che ogni uomo non faccia ciò per cui fu creato.

COMPORTAMENTO

I volti e gli occhi rivelano cosa sta facendo lo spirito, quanto è vecchio e che mire abbia. Gli occhi indicano l’antichità dell’anima, o attraverso quante forme sia già ascesa.

Gli occhi degli uomini conversano quanto le loro lingue, con il vantaggio che il dialetto oculare non richiede alcun dizionario, ma è inteso in tutto il mondo. Quando gli occhi dicono una cosa e la lingua un’altra, un uomo esperto fa affidamento sul linguaggio dei primi. Se l’uomo è fuori dal suo centro, gli occhi lo mostrano. Potete leggere negli occhi del vostro compagno se il vostro argomento lo colpisce, benché la sua lingua non lo confesserà. C’è uno sguardo mediante cui un uomo mostra che sta per dire una buona cosa, e uno sguardo di quando l’ha detta. Vana e perduta è ogni fine offerta e ospitalità, se nell’occhio non c’è giorno di festa.

Ci sono occhi che domandano, occhi che affermano, occhi che vanno in cerca di preda; e occhi ricolmi di fato: alcuni di buono, altri di sinistro auspicio.

VENERAZIONE

Possiamo vedere fuori solo ciò che abbiamo dentro. Se non incontriamo nessun dio, è perché non ne ospitiamo nessuno. Se in voi c’è grandiosità, troverete grandiosità in facchini e spazzacamini. È immortale solo colui per il quale ogni cosa è immortale.

L’uomo i cui occhi sono inchiodati non alla natura del suo atto, ma al salario, sia esso danaro, o ufficio, o fama, è uomo quasi ugualmente basso. Grande è colui i cui occhi sono aperti per vedere che non si può sfuggire alla ricompensa delle azioni, perché egli si trasforma nella sua azione e ne assume la natura, ed essa dà i suoi frutti come ogni altro albero. Un grande uomo non può veder impedito l’effetto del suo atto, perché è immediato.

‘Napoleone’, dice Goethe, ‘visitava quei malati di peste per provare che l’uomo che sa sconfiggere la paura può sconfiggere anche la peste; e aveva ragione. In quei casi la volontà ha una forza incredibile: penetra nel corpo e lo pone in uno stato di attività, il quale respinge tutti gli influssi dannosi; il timore invece li invita’.

CONSIDERAZIONI INCIDENTALI

La natura fa cinquanta meloni cattivi per averne uno buono, e scrolla un albero pieno di mele selvatiche aspre, piene di vermi, immature, prima che possiate trovare una dozzina di mele da dessert; e disperde nazioni di indiani nudi e nazioni di cristiani vestiti, con due o tre teste buone fra di loro. La natura lavora molto sodo e fa centro solo una volta su un milione di tiri. Nel genere umano, è contenta se frutta un maestro in un secolo. Quanto più è difficile creare uomini buoni, tanto più saranno utilizzati quando verranno.

Il gelo che uccide il raccolto di un anno, salva i raccolti di un secolo, distruggendo il tonchio o la locusta. Guerre, incendi, pesti, interrompono l’immobile routine, ripuliscono il terreno dalle razze marce e dalle tane d’intemperanze e disturbi, e aprono un campo libero per nuovi uomini. Nelle cose c’è una tendenza ad aggiustarsi, e guerra o rivoluzione o bancarotta che spappola un sistema marcio, consentono alle cose di assumere un ordine nuovo e naturale.

BELLEZZA

La mancanza di empatia fa del suo registro uno stupido dizionario. Ne risulta un uccello morto. L’uccello non consiste in once e pollici, ma nelle sue relazioni con la Natura; e la pelle o scheletro che mi mostrate, non è più un airone, non lo è più di quanto un mucchio di ceneri, o una bottiglia di gas a cui si sia ridotto un corpo, è Dante o Washington.

La chimica manda in pezzi ma non costruisce. L’alchimia che cercava di trasmutare un elemento in un altro, di prolungare la vita, di armare di potenza, andava nella giusta direzione. A tutta la nostra scienza manca un lato umano. Il proprietario è più della casa.

La motivazione della scienza era l’estensione dell’uomo da ogni lato, nella Natura, al punto che le sue mani potessero toccare le stelle, i suoi occhi vedere attraverso la terra, le sue orecchie capire il linguaggio delle bestie e degli uccelli e il senso del vento; e, attraverso la sua simpatia, cielo e terra avrebbero dovuto parlare con lui. Ma questa non è la nostra scienza. Queste geologie, queste chimiche, queste astronomie, sembrano renderci saggi, ma ci lasciano al punto in cui ci hanno trovato. L’invenzione è utile all’inventore, e l’aiuto che porterebbe a chiunque altro è discutibile.

Il collezionista ha fatto seccare tutte le piante nel suo erbario, ma ha perso chili e buon umore. Ha tutti i serpenti e le lucertole nelle sue fiale, ma la scienza ha fatto altrettanto con lui: ha imbottigliato l’uomo. La nostra fiducia nel medico è una sorta di disperazione di noi stessi.

NATURA

INTELLETTO

Nella mente di ogni uomo rimangono senza sforzo impresse immagini, fatti e parole, che altri dimenticano, e che in seguito gli rivelano leggi importanti. Tutto il nostro progresso è sviluppo, come lo è la gemma vegetale. Prima voi avete un istinto, poi un’opinione, poi una conoscenza, come la pianta ha prima la radice, poi il germoglio e poi il frutto. Confidate nell’istinto fino alla fine, anche se non potete rendervi ragione di esso. È vano lo stimolarlo; confidando nell’istinto fino alla fine, esso maturerà nella verità e voi saprete perché credete.

Nessun uomo può guardare Iddio faccia a faccia e vivere.

Dio offre ad ogni mente la scelta fra la verità ed il riposo. Scegliete quale volete – ma ambedue non le potrete mai avere. Fra esse l’uomo oscilla come un pendolo. Colui, in cui l’amore del riposo predomina, accetterà il primo credo, la prima filosofia, il primo partito politico che egli incontra – e con tutta probabilità quello di suo padre. Egli ottiene il riposo, l’agio, la reputazione; ma egli chiude la porta alla verità. Colui, in cui predomina l’amore della verità, si terrà libero da tutte le catene e navigherà. Egli si asterrà dal dogmatismo, e riconoscerà tutte le negazioni opposte, fra le quali, come fra dei muri, il suo essere è agitato. Egli si sottomette agli inconvenienti dell’incertezza e dell’opinione imperfetta; ma egli è un candidato della verità come l’altro non lo è, e rispetta la più alta legge del suo essere.

Emerson 5

SAGGI II

IL POETA

Noi riempiamo le mani e le camere dei nostri bambini con ogni specie di bambole, tamburi e cavalli, distraendo i loro occhi dal chiaro volto della natura, dal sole, la luna, gli animali, le pietre, che dovrebbero essere i loro giocattoli. Così il modo di vivere del poeta dovrebbe essere il dono della luce del sole, l’aria dovrebbe bastare per la sua ispirazione, ed egli dovrebbe essere ubriaco di acqua.

Se ti riempi il cervello di Boston e di New York, di moda e di cupidigie, e vuoi stimolare i tuoi sensi indeboliti con vino e caffè francese, non potrai trovare nessuna irradiazione di saggezza nella solitaria vastità delle pinete.

Il tempo delle città è scandito nel mondo da funerei rintocchi, mentre nella natura le ore universali sono contate dalla successione delle tribù, degli animali, delle piante, dalla crescita di ogni gioia su se stessa.

Altri saranno i tuoi gentiluomini e rappresenteranno per te tutta la cortesia e tutta la vita mondana, altri ancora compiranno grandi e risonanti azioni. Tu sarai completamente nascosto nella natura e non potrai essere raggiunto né dal capitolo né da dal commercio.

Tu avrai l’intera terra per parco e castello, il mare pe bagno e navigazione, senza tassa e senza invidia; i boschi e i fiumi saranno tuoi, e tu li possederai, mentre gli altri li hanno solo presi in affitto e in prestito. Tu vero signore della terra, signore del mare, signore dell’aria! Dovunque cade la neve e l’acqua scorre o gli uccelli volano, dovunque la notte e il giorno si incontrano nel crepuscolo, dovunque il cielo azzurro è cosparso di nubi e trapunto di stelle, dovunque esistono forme con limiti trasparenti, dovunque esistono sbocchi nello spazio celeste, dovunque sia pericolo, terrore e amore, là è bellezza, copiosa come pioggia, sparsa per te; e quand’anche tu percorressi il mondo intero, non potresti trovare una condizione inopportuna o ignobile.

ESPERIENZA

I risultati della vita sono incalcolati e incalcolabili. Gli anni insegnano molte cose che i giorni non hanno mai conosciuto.

L’individuo si sbaglia sempre. Produce qualcosa di nuovo, ma molto dissimile da quello che si ripromise.

La coscienza in ogni uomo è una scala mobile che lo identifica ora con la causa prima, e pera con la carne del suo corpo; vita al disopra della vita, in infinite gradazioni. Il sentimento dal quale esso scaturì determina la dignità di ogni impresa, e il problema è sempre quello di sapere non ciò che noi abbiamo fatto o no abbiamo fatto, ma sotto a quale impulso noi lo abbiamo fatto o ci siamo astenuti dal farlo.

CARATTERE

Che cosa ho guadagnato a non immolare più un bue a Giove o a Nettuno, oppure un topo a Ecate, che cosa ho guadagnato con il fatto di non tremare più di fronte alle Eumenidi o di fronte al Purgatorio cattolico o al giorno del Giudizio calvinista, se tremo davanti all’opinione, all’opinione pubblica, come noi diciamo, oppure alla minaccia di un assalto, o alle contumelie, o ai cattivi vicini, o alla povertà, o alla mutilazione, o al rumore di una rivoluzione o di un delitto? Se io tremo, che cosa importa davanti a che cosa tremo

Se noi siamo capaci di temere, troveremo immediatamente dei terrori. La cupidigia o la malignità che mi rattristano quando le attribuisco alla società, sono le mie. Io sono sempre circondato da me stesso. D’altra parte, la rettitudine è una vittoria perpetua, celebrata non da grida di gioia, ma dalla serenità, che è una gioia costante, ovvero abituale.

Io scopro che dove mi pensavo povero, là soprattutto ero ricco.

Quando ciascuno potrà fare a meno dell’altro, ambedue saranno perfettamente felici.

NATURA

Noi non possiamo scambiare parole con la natura né trattare con lei come trattiamo con le persone. Se noi misuriamo le nostre forze individuali contro le sue, noi possiamo facilmente renderci conto di essere il divertimento di un insuperabile destino. Ma se, invece di indentificare noi stessi con l’opera, noi sentiamo che l’anima dell’artefice scorre attraverso di noi, troveremo che la pace del mattino si è posata per la prima volta sui nostri cuori, e che le insondabili forze di gravità e della chimica, e, al disopra di loro, della vita, preesistono insieme con noi nella loro forma più alta.

POLITICA

Trattando dello Stato, dovremmo ricordare che le sue istituzioni non sono primordiali, benché esse esistano già prima della loro nascita, che esse non sono superiori del cittadino, che ognuna di esse fu un tempo l’atto di un solo uomo, che ogni legge e ogni consuetudine fu l’espediente di un uomo per affrontare un caso particolare, che esse sono tutte imitabili, tutte alterabili, che noi possiamo farle buone e renderle migliori.

Le repubbliche abbondano di giovani avvocati, i quali credono che le leggi fanno le città, che grandi modificazioni della politica e del modo di vivere negli impieghi della popolazione, nel commercio, nell’educazione, nella religione possano essere accolte o rigettate con un voto, e che ogni misura, per quanto assurda, può essere imposta al popolo alla sola condizione che si possano ottenere suffragi sufficienti per farne una legge. Ma il saggio sa che una legislazione stolta è una corda di sabbia che si sgretola quando si vuole annodarla; che lo Stato deve seguire e non guidare il carattere e il progresso del cittadino; che anche l’usurpatore più forte viene rapidamente buttato giù; che soltanto coloro che costruiscono sulle idee costruiscono per l’eternità; e che la forma di governo che prevale è l’espressione di quella cultura che esiste nella popolazione che lo permette.