Deep Adaptation

Nel suo ‘Occasional Paper’ (Studio scientifico) del luglio 2018, il Professor Jem Bendell, docente dell’Università di Cumbria nel Regno Unito, sostiene che entro 10 anni avverrà un collasso sociale determinato dalla tragedia climatica. A tale studio, intitolato ‘Adattamento profondo: una mappa per affrontare la tragedia climatica’, i revisori del SAMP, Sustainability Accounting Corporate Citizenship, hanno negato la pubblicazione su riviste scientifiche, a meno di intervenite sul testo per negare tale affermazione per non scoraggiare i lettori. Il Prof. Bendell vi si è opposto, ma questo studio circola liberamente in rete.

A differenza di ciò che ci viene proposto normalmente, e cioè che si debbano intraprendere plurime iniziative per contenere le emissioni di CO2 e modificare le nostre abitudini per invertire la rotta, questo è uno dei primi articoli che afferma che la catastrofe è assolutamente inevitabile e, pertanto, la comunità scientifica dovrebbe operare per dettare le linee guida sui comportamenti successivi al collasso. Cosa che non sta avvenendo.

Il Professor Bendell ha innanzitutto visionato tutta la letteratura scientifica dei professionisti del settore, i quali lavorano alacremente su un concetto di sostenibilità, mentre le ricerche che considerino il collasso sono quasi nulle. Alcune persone, considerano irresponsabile dichiarare che si stia giungendo proprio a quel punto, e ciò per non destare implicazioni sociali ed emotive nei lettori.

Benché negli ultimi anni vi siano stati dei progressi nel modo di affrontare la questione ambientale, nei tentativi di riduzione dell’inquinamento, nella conservazione degli habitat e dei rifiuti, il cambiamento climatico in corso impatta in misura così elevata da rendere nulle tali azioni. Questo perché tutti gli sforzi intrapresi sono orientati a mantenere le nostre società invariate e non si vuole accettare dei veri cambiamenti.

Alcuni dati presenti nello studio:

  • Da 136 anni a questa parte, 17 dei 18 anni più caldi registrati si sono avverati dal 2001 in avanti.

  • Nell’Artico, dove il riscaldamento è più eclatante, la temperatura della superficie terrestre del 2016 era di 2° C sopra la media del 1981-2010, dato che ha superato i precedenti record del 2007, 2011 e 2015 di 0,8°C, con un aumento complessivo di 3,5° C da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1900.

  • Tale fenomeno ha portato a una drammatica perdita di ghiaccio marino, la cui estensione media è diminuita del 13,2% per decennio dal 1980, così che oltre i due terzi della copertura di ghiaccio sono ad oggi scomparsi.

  • La riduzione del ghiaccio determina una riduzione del fenomeno di riflessione dei raggi solari sulla superficie; si prevede che un Artico senza ghiaccio aumenti il riscaldamento globale in misura considerevole.

  • Nel 2014, gli scienziati hanno calcolato che questo cambiamento (riscaldamento globale complessivo) derivi per il 25% dall’aumento di temperatura causato dalla CO2 negli ultimi 30 anni. Ciò significa che se anche intervenissimo diminuendo le emissioni degli ultimi tre decenni, il risultato verrebbe superato dalla perdita della potenza riflettente del ghiaccio artico.

  • Un Artico senza ghiaccio si avvererà in una delle prossime estati, e questo fenomeno farà aumentare del 50% il riscaldamento causato dalla CO2 prodotta dall’attività umana.

  • Tra il 2002 e il 2016, la Groenlandia ha perso circa 280 gigatonnellate di ghiaccio all’anno, e le aree costiere e di bassa quota dell’isola hanno subito fino a 4 metri di perdita di massa di ghiaccio.

Alcune conseguenze citate nello studio:

  • Possiamo già notare le tempeste, la siccità, le alluvioni, dovute ad una maggiore volatilità data dall’energia presente in atmosfera;

  • Impatti negativi sull’agricoltura: il cambiamento climatico ha ridotto la crescita nei rendimenti delle colture dell’1-2% a decennio, con enormi impatti nutrizionali;

  • Impatti sugli ecosistemi marini con circa la metà delle barriere coralline del mondo morte negli ultimi 30 anni, a causa dell’acidificazione dell’acqua;

  • Il punto chiave è proprio l’acidificazione dell’acqua: nel decennio 2006-2016, l’Oceano Atlantico ha assorbito il 50% in più di anidride carbonica rispetto al decennio ancora precedente. Gli oceani riscaldati determinano una diminuzione delle popolazioni di alcune specie ittiche che impattano a loro volta sull’intera catena alimentare.

  • Aumento, in alcune regioni, di virus trasmessi da zanzare e zecche per effetto della loro maggiore proliferazione.

  • In Cina, gli studiosi prevedono in prospettiva una diminuzione del rendimento dei raccolti agricoli rispettivamente del 36,25% per il riso, del 18,26% per il frumento, del 45,10% per il mais entro questo secolo. Così in India.

  • L’acidificazione dei mari determinerà, secondo gli studi, una diminuzione del 50% della produttività ittica; miliardi di abitanti delle zone costiere di tutto il mondo ne risentirà in particolar modo.

  • Circa la metà delle piante e degli animali nei luoghi di maggiore biodiversità nel mondo scomparirà.

  • Vi saranno centinaia di milioni di sfollati interni e milioni di rifugiati internazionali.

L’opinione scientifica politicamente accettata è quella che stabilisce che si debba restare al di sotto dei 2° C di riscaldamento delle temperature ambientali globali, dando così l’impressione che si possa comunque invertire il trend. Si potrebbe intervenire seriamente con decisive e globali azioni di:

  • Piantamento di alberi;

  • Ripristino di terreni usati in agricoltura e conversione in pascolo olistico;

  • Coltivazione di erba marina e alghe.

L’agenda politica, però, deve essere massiccia a livello globale. Negli ultimi anni di innovazione, invece, investimenti e brevetti si sono orientati nel consumismo e nell’ingegneria finanziaria.

Stanno aumentando le prove del fatto che gli impatti saranno catastrofici per i mezzi di sostentamento e per le società. Si vuole evitare di voler innescare un meccanismo di disperazione nel pubblico. In realtà, per mitigare gli impatti psicologici sarebbe sufficiente cominciare a porre l’attenzione, su quanto può avvenire, sin da subito. Bisogna usare l’immaginazione e trovare soluzioni. Non bisogna lasciarsi ancora influenzare dalla nostra cultura che ci impone di vivere sempre nello stesso modo. Occorre entrare in una modalità post-consumistica e tornare ad una relazione tra uomo e natura.

L’era dello sviluppo sostenibile, pertanto, è giunta al capolinea, con i suoi approcci micro, lasciati all’iniziativa di singoli consumatori.

Abbiamo 10 anni.

Influencer

Ovviamente non quelli. Gli influencer così definiti riescono, con i loro comportamenti, ad influenzare i consumi dei soli imbecilli. Tutti quelli che non sono imbecilli, invece, non vengono minimamente sfiorati da tali inutili personcine.

Invece, vorrei illustrare quattro personaggi che mi appassionano molto:

MANCUSO

Stefano Mancuso: lui, in effetti, è stato incluso dal New Yorker tra i ‘world changers’, ovvero coloro che sono destinati a cambiarci vita. In realtà, la definizione non mi sembra azzeccata, perché – per riuscirci – tutti dovrebbero stare ad ascoltarlo, cosa che purtroppo non è. E’ un professore rivoluzionario di neurobiologia. Ha una passione incredibile e apre la mente con la sua divulgazione sulla sensibilità e intelligenza delle piante, quando illustra i suoi esperimenti si rimane a bocca aperta. Assolutamente da ascoltare, anche su You Tube, per capire quanto l’uomo non abbia ancora compreso sostanzialmente nulla.

BARDOT

Brigitte Bardot: la adoro, sia perché lotta per la causa animalista, ma anche perché è l’emblema di come debba essere una donna: una persona capace di decidere di cosa occuparsi, in cosa credere, anche se gli anni trascorrono e anche se tutto questo la tiene lontana dal jet set in cui gli altri avrebbero voluto ancora ficcarla. Lei ha deciso di lasciar scorrere il tempo rimanendo bellissima ancora oggi, di una bellezza derivante dalla sua sensibilità, dalle sue lotte, dalle sue provocazioni che rivolge ai politici francesi. Una mente libera, un grande coraggio. Seguo le azioni della sua Fondazione, è una donna davvero in gamba.

NOWZARADAN

Younan Nowzaradan: ammetto di avere un debole per la trasmissione ‘Vite al Limite’, in quanto sostanzialmente ho un debole per i deboli. Vi si raccontano i percorsi di uomini e donne gravemente obesi, impossibilitati a muoversi e dipendenti dal cibo e dalle persone che si prendono cura di loro. Alle loro spalle vi sono sempre gravissimi traumi, abbandoni, soprusi e violenze, che li hanno portati a ritenere il cibo l’unico conforto per non farsi più violentare l’anima, facendosi in realtà molto più male. Ed ecco che si rivolgono al Dott. Nowzaradan che è, nella realtà, uno dei massimi esperti di chirurgia bariatrica. Mi piace molto, questo dottore, perché quando in Italia si sono proposte delle trasmissioni legate alla chirurgia perlopiù estetica, chissà perché comparivano questi dottori fighetti sempre abbronzati, anch’essi rifatti, che personalmente avrei preso a sberle. Il Dott. Nowzaradan, invece, potrebbe starsene a casa sua a riposare, data anche l’età, ma sceglie di prestarsi per divulgare due concetti fondamentali: 1) la vita può essere molto pesante e difficile da vivere, davvero molto e per alcuni più che per altri; occorre molto impegno per uscire dai propri immensi drammi. 2) quando si parla di drammi, lo si deve fare con rispetto e, dunque, i chirurghi abbronzati e col nasino all’insù vadano pure a quel paese. Un mito.

ON N'EST PAS COUCHÉ 2014

Aymeric Caron: per lui non ho parole, sono letteralmente estasiata. E’ un giornalista e scrittore francese che ha le seguenti caratteristiche:

  • Estremamente preparato;

  • Educato;

  • Ottima cultura filosofica ed etica;

  • Meravigliosa dialettica;

  • Sorprendente capacità di argomentazione e abilità comunicative non indifferenti.

Il tutto, per parlare e difendere la causa antispecista e di liberazione animale. Lo seguo da tempo e ne sono letteralmente innamorata. Considerato che ha anche un bel faccino, e sa pure suonare il pianoforte e cantare, un tale insieme di qualità e capacità così concentrate in un solo personaggio mi lascia sbigottita, perché in Italia non vi siamo proprio abituati, forse gli avrebbero proposto il Grande Fratello. Ad ogni modo, Aymeric è veramente in gamba, se consideriamo che in Francia la popolazione vegana e che si muova sul fronte animalista è inferiore a quella italiana e sta emergendo solo da pochi anni a questa parte grazie a personaggi del suo calibro. Sto seguendo molto le vicende francesi e mi piacerebbe contattarlo.

Ecco, dunque, quattro personaggi da seguire e da cui lasciarsi tranquillamente influenzare. Non per divenire maggiori consumatori, ma per esserlo meno e aprire la mente. Ne proporrò altri.

Dedicato a Melissa

MELISSA

La mia prima gatta si chiamava Melissa ed era siamese. Era stato un amico di famiglia a proporci di prendere una cucciola e mia mamma aveva acconsentito. Pochi mesi dopo, un vicino di casa che lavorava alla Zambeletti, venuto a casa nostra per non so quale ragione, ci aveva proposto di poterla avere pagandocela 250.000 lire, che a quei tempi era una sommetta, per poterla utilizzare per la sperimentazione animale. Mia mamma lo cacciò di casa con le peggiori parole, aggiungendo che, se proprio desiderava vivisezionare qualcuno, poteva farlo coi suoi figli. Questa era mia madre. Grande!

Da quel momento, l’ho tenuto d’occhio, quel vicino, e so per certo che si è dilettato ad avvelenare parecchi gatti di strada.

Nel 1883 Victor Hugo esclamò: ‘La vivisezione è un crimine’!

E’ il crimine più orribile, quello di più lunga durata, il più numericamente imponente. E’ la maggiore sorgente di denaro, il segreto meglio custodito, e forse il più noto crimine legalizzato benedetto da tutti.

Ho appena ultimato la lettura del libro ‘I Gatti di Hill Grove’, ovvero la storia della campagna contro l’allevamento Hill Grove Farm. La storia ha inizio a metà degli anni Settanta in Inghilterra, dove un certo Brown e Signora cominciano ad allevare gatti da vendere all’industria farmaceutica. Le fattrici erano tenute in gabbie insieme ai migliori riproduttori e venivano fatte partorire solo con taglio cesareo per garantire la sterilità. Ovviamente venivano subito allontanate dai cuccioli che erano venduti poche settimane dopo la nascita. Ogni gatta trascorreva così 10 anni di vita, dopodiché veniva uccisa.

Fu Cynthia O’Neill, una signora cinquantaduenne, ad iniziare la campagna; anche a lei era scomparsa la propria gatta come ad altri vicini di casa. Così, cominciando a collegare che, oltre al crimine che veniva perpetuato in quello stabilimento, si aggiungeva anche il terrore che fosserro anche i propri animali a fare quella fine, cominciò a fare guerra su tutti i fronti. La cosa abominevole fu che gli organismi preposti alla tutela degli animali, come la RSPCA (Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals), la CPL (Cat Proteection League), la BUAV (British Union for the Abolition of Vivisection), si rifiutavano di intervenire adducendo mille scuse che, invece, nascondevano interessi ed equilibri da non minacciare. Cynthia fu un osso duro, si organizzò con altri attivisti e, attraverso la raccolta di fondi, organizzarono manifestazioni continue per mesi, per stagioni, per anni, venendo spesso arrestati, subendo qualunque tipo di pressione e persecuzione, ricevendo trattamenti ‘speciali’ dalla Polizia. Dopo diversi anni, in qui Cynthia e il resto del movimento non mollarono nonostante la fatica e il senso di continua disfatta, ottennero la testimonianza di una ragazza che aveva lavorato nello stabilimento, la quale raccontò che alla vista del proprietario, i gatti impazzivano e si arrampicavano sulle pareti delle gabbie. E questo solo per i metodi di allevamento, ancor prima quindi, che l’abominio della sperimentazione fosse ancora praticato.

A metà degli anni Novanta, furono rese di pubblico dominio le modalità di utilizzo dei gatti da parte di un Professore universitario, il quale utilizzava gatti dell’età variabile tra i 2 e i 143 giorni per esperimenti sul cervello. I gatti venivano accecati da un occhio, la loro testa bloccata in un apparecchio stereotassico, mentre nel loro cervello veniva iniettata una sostanza colorata. Dopodiché, gli animali venivano uccisi. I gatti, come del resto molti altri animali, subivano anche elettroshock, erano esposti a radiazioni, congelati e torturati a morte, mutilati e sezionati, affamati e paralizzati, bruciati.

Per contrastare la campagna contro Hill Grove Farm, furono impiegate task force di Polizia sempre più ingenti con un enorme esborso di denaro pubblico. Ad aiutare Cynthia fu un numero sempre maggiore di persone sensibili, che preferirono questa battaglia a qualunque altro inutile passatempo; anche il Reverendo James Thompson, unico della categoria, si impegnò in prima persona parlando ai fedeli e rilasciando interviste, sostenendo che è un dovere di tutti proteggere la vita. Nessun bene può nascere dal male; molte malattie sono causate da farmaci perfettamente testati su animali.

Cominciarono ad arrivare attivisti dall’intera Inghilterra e da altri Paesi esteri. Alcuni parlamentari non poterono più ignorare la portata delle manifestazioni e, venuti a conoscenza degli orrori perpetrati ai danni di innocenti, proposero una modifica della legge per vietare innanzitutto l’esportazione di animali vivi per la vivisezione. Il proprietario fu messo spalle al muro da questo e da immagini forti che circolavano nelle manifestazioni e sui media. Su un manifesto, un grande gatto rosso era rasato davanti, dietro e sui fianchi ed era steso su due fogli di plastica rigida, tenuto immobilizzato da cinghie di cuoio. Aveva della gommapiuma blu che gli usciva dalla testa e tanti tubi di plastica, alcuni pieni di sangue, da non riuscire a contarli.

Alla fine, il 12 agosto 1999, i Brown cedettero e chiusero lo stabilimento, e i gatti presenti in quel momento vennero liberati e adottati. Si dice che quel posto sia maledetto, e che di notte si possano ancora sentire le loro urla.

Sagre

Bella l’Estate, con tutte le sue sagre, no? Soprattutto quelle che ancora oggi hanno per ‘oggetto’ gli animali. Si conta che in Spagna si tengano più di 3.000 celebrazioni nelle quali la violenza su animali regna sovrana. Una delle feste più conosciute è la corsa dei tori a Pamplona, nel giorno di San Firmino. Animali stressati ed eccitati dalla folla sanguinaria vengono fatti correre imbizzarriti e terrorizzati lungo le vie ingombre di deficienti. Poi, ovviamente, verranno uccisi. Nei pressi di Valencia, invece, il toro è attirato verso il mare dagli spettatori. Tutti ridono vedendolo annaspare in acqua. Ho visto delle foto, non si possono dimenticare quegli occhi che chiedono pietà …

A Sagunt, durante la celebrazione del Toro di Fuoco, una vera barbarie, vengono unte le corna di pece e poi date alle fiamme. All’interno delle corna, ci sono moltissimi centri nervosi e il toro impazzisce dal dolore, mentre gli spettatori sghignazzano. Capita che il toro si butti da una rupe o si getti contro una parete per farla finita.

TORO DE FUEGO

Non sono solo i tori, ovviamente, ad essere oggetto di divertimento di persone di così basso livello spirituale ed etico da far vergognare l’intera Umanità. Oche appese a testa in giù per farsi decapitare da presunti cavalieri, per fare un altro esempio. Ovviamente, questo genere di sagre non è presente nella sola Spagna, anche se lì vi è questo record infame. In Perù, durante la Festa del Sangue, un condor è attaccato sul dorso di un toro in un sanguinario combattimento che si tiene nelle arene. Il toro, non solo subirà tutti i colpi del Matador, ma anche quelli del condor che, per liberarsi, affonda artigli e becco sul toro. E ancora tutte le corse di cavalli e di cani, i combattimenti, i palii (molti dei quali in Italia), i rodei con le marcature a vivo, e poi ancora l’uso di animali come premi, e decine e decine di altre prove di virilità dell’uomo, perché è sempre di questo che stiamo parlando, del sentirsi uomini senza esserlo.

Se c’è un ambito in cui vorrei avere pieni poteri è proprio questo: Ministro per il benessere e la tutela animale. Andrei giù molto ma molto pesante, mi farei molti nemici, ma avrei loro dalla mia parte: le creature con quello sguardo.

Personalmente, istituirei anche un colloquio sul posto di lavoro. Ti diverti con questo? Allora sei uno psicopatico, sei socialmente disturbato, sei un pericolo.

Farei anche un giretto dal Papa: la finiamo o no di travestire tutte quelle feste e festine da farsa religiosa, quando poi sono degli inni al massacro? La vogliamo finire o no di riproporre i rituali sacrificali di animali? La vogliamo finire col ricordare gli aspetti peggiori e anacronistici del Medioevo, e magari del Medioevo apprezzare di più l’architettura, la miniatura, i testi, il canto?

Non mi darebbero mai un incarico del genere…

Calma

BOSCO 2

Il fruscio delle foglie accarezzate dalla brezza, il rumore della pioggia, dei tuoni in lontananza. Il verso di un rapace notturno o il primo canto degli uccelli all’alba. Il moto delle onde o il gorgoglio di un ruscello. Tutto questo è sacro. Lascio che la natura mi mostri i suoi tempi e i suoi modi. Di giorno, osservo una colonia di formiche trasportatrici e sbarro loro la strada con un ramoscello per vedere che fanno. Noto lo sbocciare dei fiori e il crescere delle foglie; raccolgo le more e ciò che la natura ha da offrirmi. Scruto l’acqua e ciò che vi appare più sotto, in trasparenza; affondo una mano nella sabbia e ne faccio cadere un rivolo sottile, come da una clessidra. Accosto conchiglie raccolte qua e là dando loro una forma nuova, una nuova armonia; salvo piccoli granchietti dalla morte per schiacciamento. Di notte, ascolto i versi e i fruscii di fantastiche creature dei boschi, che mi stavano osservando a loro volta; seguo il cammino di un ghiro lungo i fili della corrente e il moto circolare di un falco sopra di lui. Guardo in profondità e in lontananza. Abbasso lo sguardo per cogliere le micro creature, infinitamente piccole e perfette: ogni forma si inserisce in una sezione aurea. Tutte loro sono dannatamente prese da mille faccende e mi chiedono di non essere disturbate. Hanno i loro tempi per fare tutto, vogliono concludere in tempo. Poi alzo lo sguardo e strizzo gli occhi per attraversare la galassia e vedere il più possibile. Forme giganti, questa volta, ma la loro armonia non è da meno. Miro anche all’orizzonte affidandogli i miei pensieri. Là, dove tutto si unisce e si perde allo sguardo dell’uomo. Lascio fuori i rumori mentali, mi inebrio di pace e di calma. La natura mi mostra tutto ciò che è per come deve essere. Questa è la mia movida, un brulichio di esseri che sanno bene chi sono. E io mi lascio accompagnare da questi festeggiamenti e danzo con loro.

Creme solari

Il primo giorno in cui è apparsa qualche nuvola, e finalmente ha piovuto un po’, ho sentito dire da alcune persone che il tempo era brutto. Brutto? Dopo due mesi di calore infernale, sofferto soprattutto nelle roventi città asfaltate e incementate, le terre aride, i fiumi asciutti, gli animali impossibilitati a bere, gli alberi sofferenti e i rischi d’incendio, le molte persone costrette a non muoversi, a non recarsi altrove, gli anziani, gli indigenti che non possono permettersi nemmeno un ventilatore in casa, gli ammalati allettati ricoperti di piaghe, cos’altro dovrebbe convincervi a considerare la pioggia una benedizione e a danzare e gioire perché possa dissetare tutti e lenire le loro sofferenze?

La paura, forse, che sulla vostra spiaggetta non possiate raggiungere il giusto tono di abbronzatura da esibire nei selfie? Il timore, forse, che gli amici di Facebook non possano mettere un like alla vostra faccia, che è sempre la stessa, con dietro il panorama fatto di mare e cielo, che è sempre lo stesso e col quale li ammorbate tutti gli anni come se foste nell’unico Paradiso Terrestre in cui l’uomo meriterebbe di essere e, se non c’è, poverino lui? Il terrore, forse, che in una giornata di pioggia non sappiate più cosa fare di voi stessi/e e dei vostri pochi pensieri? Che improvvisamente, avendo voi incentrato la vostra vita sull’abbronzatura e nient’altro, emergano strane ombre dal vostro interno? Coraggio, quelle ombre siete voi. Fatevene una ragione e l’anno prossimo cambiate tema, per la felicità degli amici di Facebook (e Instagram, naturalmente), che di notte sognano di poter spegnere definitivamente i vostri sorrisi stampati ma non osano sennò usciranno dal branco … Però, se proprio l’abbronzatura è il vostro massimo obiettivo, che almeno sia protetta e magari con prodotti cruelty-free.

CREME SOLARI

TEST: Sulla pelle sana e rasata del soggetto, si applica la crema e la si lascia sotto i raggi UV per molte ore, fino a calcolare la DEM: Dose Eritematica Minimale, vale a dire il grado di scottatura.

Ecco, in un giorno di pioggia, pensate a questo e fate una scelta diversa e per sempre. Idioti!

Lezioni

SCUOLA

Nei giorni scorsi il MIUR-USRP (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte) e OIPA Italia Onlus (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) hanno siglato un Protocollo d’Intesa per la promozione di itinerari formativi rivolti a sensibilizzare gli studenti delle diverse tipologie scolastiche al rispetto dei diritti di tutti gli esseri viventi. Verrà inoltre valutata la possibilità di inserire attività educative proposte dall’OIPA nei percorsi di alternanza scuola-lavoro, secondo le normative introdotte dall’art. 1, commi dal 33 al 43 della L. 107/2015.

L’iniziativa va a inserirsi in un ampio progetto educativo e formativo e rivolto alle scuole nel quale l’associazione crede fermamente e che porta avanti già da tempo. Nell’anno scolastico 2018/2019, infatti, il Gruppo Scuola della sezione Torino dell’OIPA, sotto la guida del referente Secondo Goletti, ha già svolto attività formativa presso 12 scuole di Torino e provincia, tenendo lezioni in 41 classi, a 796 studenti in 67 incontri, per un impegno di circa 110 ore.

La collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione e l’OIPA, è un decisivo, ulteriore riscontro che l’educazione al rispetto degli animali e dell’ambiente matura da una giusta formazione e da un corretto insegnamento a scuola fin dalla prima infanzia.

Questa la notizia. Io, che in genere guardo al bicchiere mezzo pieno, qui ne vedo il vuoto.

E il resto d’Italia?

A mio avviso, ciò che andrebbe fatto è invece l’inserimento, in tutti i programmi scolastici sin dalla prima elementare, di insegnamenti di etica. Un bambino non deve essere impiegato solo nel gioco e nei primi ingozzamenti di nozioni perché ritenuto incapace di pensare a cose alte; va stimolato e abituato a ragionare sulla propria esistenza in rapporto a se stesso e agli altri, sui fenomeni, sul bene e sul male. E’ il sapersi porre determinate domande, che colloca ciascuno di noi ad un dato livello evolutivo, e per cambiare le cose dovremmo ambire a che le nuove generazioni si posizionino ad un livello decisamente alto. Significherebbe ottenerne persone libere nel pensiero e nelle azioni, libere da preconcetti e capaci di far funzionare la propria testa autonomamente dal sistema (o dai sistemi); ci sono cose corrette e cose non corrette, ci sono atti buoni e atti di violenza, ci sono comportamenti virtuosi e comportamenti non virtuosi. Dopodiché, l’etica animalista, a me tanto cara,  è una branca dell’etica.

Quindi, non è che io non consideri utile e interessante questa iniziativa, solo ritengo si debba lavorare sulla matrice dell’ignoranza, sulla matrice del pregiudizio, sulla matrice del pensiero unico. La matrice è una sola ma determina una serie di comportamenti che si declinano in varie direzioni a seconda della personale esperienza di ciascuno.

Altrimenti, il rischio è che un bambino magari non tratti male un gatto, ma tratti male il compagno in sovrappeso perché, per quella materia, nessuno ha ancora organizzato una lezione. Oppure, appena cresciuto, svuoti una tanica di gasolio nell’acqua potabile, come ho visto fare ad un tizio che evidentemente non aveva sviluppato la capacità di porsi delle domande. Sarebbero troppe le lezioni da trattare, meglio inserire un programma obbligatorio di sviluppo della coscienza. Poi, questi ragazzi diano lezioni ai propri genitori, dato che se è la scuola a doversi occupare di questi insegnamenti, c’è da chiedersi loro a cosa servano.

Amore per la Vita

BOSCO

Il contatto con la natura, imprescindibile per il genere umano, prende il nome di biofilia, dal greco ‘amore per la vita’ o ‘ amore per il mondo vivente’. Poiché ci siamo evoluti nella natura, sentiamo l’esigenza di dover mantenere un legame con essa. Anche se molti ne hanno perso consapevolezza, tutti noi ci sentiamo a casa negli ambienti incontaminati, perché è lì che abbiamo trascorso la maggior parte della nostra esistenza. Non crediamo, dunque, a chi vorrebbe renderci dei bipedi che si facciano bastare l’artificiosità dei paesaggi, l’eccessiva antropizzazione. Siamo, invece, strutturati geneticamente per amare la natura perché sappiamo che la nostra stessa esistenza e sopravvivenza dipende da essa.

Basta poco per ritrovarla e ritrovarsi. Passeggiare in un bosco, anche cittadino, ci riconnette alla nostra natura più vera e più antica. Lasciamo a casa il telefonino e ogni altra distrazione, rallentiamo i ritmi e immergiamoci nel presente, osserviamo, ascoltiamo, percepiamo. Ne otterremo grandi benefici per la nostra salute e la nostra mente. Le immersioni in un bosco rafforzano le difese immunitarie, aumentano l’energia, alleviano l’ansia, la depressione, la rabbia. Riducono lo stress, aumentano la chiarezza di pensiero, la creatività. Ci giungono quelle soluzioni che non potevano farsi strada in altre circostanze, capiamo il senso delle cose.

Il colore verde, ritenuto rilassante, è proprio quel colore che ci ricorda da dove arriviamo, quando dal verde eravamo circondati. E’ un istinto primordiale: dove c’è verde c’è acqua, dove c’è acqua c’è cibo.

Meravigliamoci di fronte alla natura, pensiamo oltre noi stessi. Comunichiamo con gli alberi come abbiamo sempre fatto, anche se è un singolo albero su un marciapiede. Ringraziamolo e rispettiamolo. Ogni anno, in tutto il mondo, vanno perduti più di 13 milioni di ettari boschivi: un’area paragonabile alle dimensioni dell’Inghilterra. La loro perdita è la perdita della biodiversità, l’aumento degli inquinanti, la cancellazione delle culture dei popoli delle foreste. E’ la perdita di noi stessi, soprattutto quando pensiamo che ciò che accade molto lontano da noi non comporti per noi alcun danno. Amiamo dunque, di più, la nostra casa.

21 giugno

YULIN - CANI

Si stima che, solo nelle case degli italiani, vi siano almeno 6 milioni di cani regolarmente tatuati o dotati di microchip, in Europa 66 milioni. Se tutti i detentori di un cane tatuato, che si presume lo abbia a cuore avendolo anagrafato, firmassero contro l’orrore del Festival della carne di cane di Yulin che avrà inizio il 21 giugno in Cina come tutti gli anni, l’effetto sarebbe importante.

Credo invece che a firmare siano sempre gli stessi, anche molti che un cane nemmeno ce l’hanno. In effetti, non è fondamentale averlo per comprendere che quello schifo vada fermato, ma è d’obbligo che tutti i possessori di un cane, che sostengano di amarlo, lo facciano. Altrimenti non lo amano. Così come non possiamo sostenere di amare i bambini se ipernutriamo il nostro e siamo insensibili contro le altrui creature, allo stesso tempo non possiamo guardare negli occhi il nostro, di cane, senza vergognarci per non aver fatto nulla per quelli come lui che, semplicemente, sono nati da un’altra parte.

E’ vero, ci sono quelli che comprano un cane (non lo adottano) per farne un’estensione estetica di sé, per mostrarlo in giro, per sentirsi più temibili, per agghindarli. Malati di mente da cui non c’è nulla di buono da aspettarsi. Ciò che non mi sarei aspettata, invece, è che sui siti dei principali operatori cinofili non compaia una parola – dico una – su questa tragedia, come se l’occuparsi dell’educazione cinofila fosse solo una professione e che, per questo, sia avulsa dall’affrontare temi che riguardano le specie con cui si intrattiene. Come possono pensare di saper comprendere i cani se poi non utilizzano questo loro sapere per cambiare il mondo? Potrebbero, come operatori, organizzare cortei presso l’Ambasciata Cinese, alimentare raccolte di firme. Potrebbero fare cultura sul rispetto, sulla non violenza.  Potrebbero diffondere la conoscenza di quel Festival ai molti che purtroppo ancora non lo conoscono. Potrebbero.

YULIN- CANI 2

Io non ho un cane, ma continuerò a firmare, per diversi giorni e su svariate piattaforme. Scriverò mail e continuerò a farlo anno dopo anno, fino a sperare che quella sagra dell’orrore finisca per sempre e smettere di pensarci. Mi vergogno di queste manifestazioni dell’uomo, chiedo a quei cani di perdonarci, di comprendere la nostra sete di violenza, loro che ci guardano negli occhi fidandosi di noi. Nel frattempo, poiché non guardo quasi mai la televisione, non so se i telegiornali ne parlino. Immagino siano molto occupati nei soliti salamelecchi nei confronti dei potenti di turno. Poveri cani, ma anche poveri noi.

LIMAV


MACACHI

Esiste anche la LIMAV, organizzazione internazionale di medici che ha, come finalità, l’abolizione della sperimentazione animale e una visione della medicina non antropocentrica. Bravi! Penso di volerli sostenere come socia. Il fatto è che, nonostante si pensi il contrario, un numero sempre maggiore di persone e di professionisti sta innalzando la propria coscienza al disopra delle brutture alle quali altri vorrebbero che ci abituassimo. Invece, qualcuno comincia a mettere le cose in discussione e ne parla ad altri, poi si condivide un modo diverso di concepire la vita nostra e altrui e a pretendere il rispetto per tutti, e il processo parte. Nascono organismi, associazioni, movimenti, e questi generano un effetto che cresce vertiginosamente. Oltre all’inefficacia ormai comprovata della sperimentazione animale, c’è innanzitutto il fatto che non abbiamo il diritto di considerare alcuna creatura come un oggetto di cui disporre a nostro piacimento inducendogli dolore e privandolo della sua vita. Questo è un gravissimo peccato, sia verso gli animali che verso noi stessi, che non siamo stati creati per questo.

‘4 macachi, forse 6. Nati per essere cavie, verranno immobilizzati, resi ciechi tramite un intervento chirurgico, sottoposti a test ed esperimenti per cinque anni e poi, quando non serviranno più, “eutanasizzati”, ovvero uccisi. La ricerca ha avuto il via dall’Università di Torino, dipartimento di Psicologia, in collaborazione con l’ateneo di Parma (dove si trovano fisicamente gli stabulari dei macachi) ed è stata finanziata con 2 milioni di euro.’
“Il cervello non ha recettori del dolore” si giustificano i ricercatori, ma al tempo stesso si cautelano “siccome il progetto prevede una lesione unilaterale della corteccia visiva primaria, si ritiene cautelativamente opportuno stimare il livello di sofferenza atteso come grave”.

Certo, c’è il solito ritornello per cui tutti vorrebbero curarsi qualche malanno, ma occorre considerare che la maggior parte delle malattie sono indotte dallo stile di vita perlopiù indotto da un sistema marcio, che ci vorrebbe tutti ammalati per considerarci un business. E quanti animali vorremmo sacrificare con la nostra bramosia? E senza compassione, come potremmo definire noi stessi?